una cuoca pericolosa

Cibo e idee per tempi da lupi (e non solo)

Ho mangiato pinguini a colazione

Lascia un commento

MA QUANTO sono irresistibili i negozi specializzati in utensili da cucina! No, non i casalinghi, in cui si trova di tutto dai bicchieri per il cognac ai pelapatate. Mi riferisco a quelli dove il livello specialistico sale e si vende l’impensabile, l’accorgimento tecnico-pratico per cuocere il soufflé che ti fa chiedere “ma perché non lo hanno inventato prima?” o l’ultimo modello di abbattitore elettrico che ti fa rimpiangere i soldi spesi in quello appena comprato. Uno di questi santuari del gourmet praticante è vicino a casa mia. E non è un bene, perché evitare di passarci davanti per non cadere in tentazione oltre i limiti del portafoglio mi costringe a lunghe deviazioni, che si concludono in parcheggi ostili al mio poco tempo libero.

Ma ogni tanto ci vado. E raramente esco a mani vuote.

Entrare lí dentro è come andare a Disneyland.

È lì che ho scoperto gli accessori da microonde Lekué – chiamarle pentole non si può però non sono nemmeno normali contenitori e sono portentosi quando si tratta di cuocere cereali e verdure – e sperimentato gli stampini da muffin e cupcake più mirabolanti della fantasia gastronomica. La scoperta più recente è una padella in ferro al 99% e cera d’api biologica. Sì, proprio la cera delle api usata per sigillare, non chiedetemi ‘come’ perché le istruzioni non lo dicono, la superficie di cottura. E il bello è che la padella più diventa nera e più cuoce bene. A me sembra un po’ un miracolo a rovescio, ma funziona.

IN MEZZO a tante meraviglie professionali, ci sono anche quei piccoli gioielli che fanno la poesia della cucina da dilettanti. L’ultimo l’ho scoperto grazie al fiuto per l’insolito di mia figlia. É un talento naturale: se esiste qualcosa di bizzarro, e rosa, lei lo troverà. Il rosa è il suo colore “feferito’ e tutto ciò che è rosa le appartiene di diritto, ma quando mi ha messo in mano ai fini dell’acquisizione un porta cubetti di ghiaccio a forma di pinguino color confetto ho avuto un sussulto.

E che me ne faccio? Lasciarlo al negozio, però, non è stato possibile e il porta cubetti rosa è venuto a casa con noi. Poi è stato riempito di acqua e posizionato garbatamente nel freezer. La mattina dopo, appena sveglia, la mia principessa ha cinguettato: mamma ora sono pronti, possiamo mangiare i pinguini? Credetemi, non c’è modo di convincere una bimba di 4 anni che i ghiaccioli non si mangiano a colazione.

Autore: una cuoca pericolosa

Ma se dico tutto in questa sintesi, il mio blog che lo leggete a fare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...