una cuoca pericolosa

Cibo e idee per tempi da lupi (e non solo)

Composta di cipolle di Tropea e semi di Chia

Lascia un commento


LA RICETTA NON è mia, però sono orgogliosa di questa prima composta di cipolle di Tropea che ho fatto in perfetto stile vegan anche se l’idea viene dall’ultimo libro che sto leggendo, “Nutrition Stripped” di McKel Hill.  Hill è una foodblogger e una nutrizionista e una scrittrice e non so quante altre attività riesce a svolgere, il cibo e la vita condotti nel modo più naturale possibile sono la costante che la contraddistingue. Ed è brava. Proprio brava. Tornando alla mia prima esperienza di Stripped Food – i nudisti non c’entrano , è il cibo che viene privato di tutto quanto lo agghinda e che Hill ripropone nella sua forma essenziale – ammetto che inizialmente ero un po’ scettica e l’ho fatta più per curiosità che per convinzione. E invece… i risultati sono stati stupefacenti. Da maga delle spezie,

La ricetta di Hill è pernsata per fare composte di frutta ma io volevo usare delle magnifiche cipolle di Tropea che avevo appena comprato e così ho applicato le stesse quantità e indicazioni et voilà, la perfetta composta di cipolle fatta in casa e senza conservanti ma col giusto livello di cremosità e aspetto gelatinoso da manuale.

Anche il sapore era a posto. L’unica accortezza è che, come per tutte le composte senza conservanti, dura in frigo per una settimana, non di più.

INGREDIENTI

500 grammi di cipolle di Tropea o frutta fresca (McKel scrive che lei usa anche la frutta congelata!)

60 ml di  miele

50/60 grammi di semi di chia

25 ml di acqua

2 cucchiaini di buccia di limone grattugiata

1 limone (il succo)

1 presa di sale

1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia se si fanno confetture di frutta (facoltativo)

METTETE la frutta, nel mio caso le cipolle pulite e affettate abbastanza fini ma non troppo fini, insieme all’acqua, al succo e alla buccia del limone, al sale  e al miele in una casseruola e portate a ebollizione a fuoco medio, abbassate la fiamma al minimo e aggiungete i semi di chia e fate andare a per altri 15-30 minuti. I semi di chia con il calore si disfano e creano l’effetto gelatinoso. Se la confettura risultasse troppo “lente”, aggiungete ancora un cucchiaino di semi di chia.

Fate raffreddare a temperatura ambiente e poi mettete nei vasetti di vetro a chiusura ermetica e conservate in frigo.

 

Autore: una cuoca pericolosa

Ma se dico tutto in questa sintesi, il mio blog che lo leggete a fare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...