una cuoca pericolosa

Cibo e idee per tempi da lupi (e non solo)

Panettone salato con ananas e pescespada affumicato

Lascia un commento

L’IDEA del panettone salato per chi, come me, ama poco quello dolce è irresistibile. Quest’anno ne ho trovati anche di taglia mignon e mi sono divertita. Farcire quelli di taglia standard va bene solo se si ha una famiglia numerosa oppure ospiti a cena o pranzo altrimenti il panettone salato avanza e, a differenza di quello dolce, non si conserva bene anche nei giorni successivi all’apertura. Quindi, per la serie fatto e mangiato, ecco qua il mio ultimo esperimento natalizio.

img_1751

 

INGREDIENTI

1 panettoncino salato

1/2 tazza di maionese

200 grammi di pescespada affumicato

300 grammi di ananas fresco tagliato a pezzettini

20 chicchi di uva bianca Italia per guarnire

LE MIE INCURSIONI nell’arte culinaria si risolvono sempre in  qualcosa che è più buono da mangiare di quello che sembra nelle foto che ne faccio, ma fra i propositi del 2017 ho inserito anche un corso di fotografia del cibo e magari migliorerò. O magari no. Premesso che preparare questo panettone farcito è di una facilità imbarazzante, ma anche di grande effetto se si ha la pazienza di aggiungere qualche piccola guarnizione gourmet alla preparazione di base  – per esempio uova sode a fettine con un pezzetto di acciuga al centro  oltre al chicco di uva bianca oppure peperoncini rossi sott’olio tagliati a striscioline sempre da aggiungere all’uva bianca – un’accortezza è passare le fette di panettone un  minuto nel forno a 100 gradi per esaltarne gli aromi prima di passare alla farcitura. Spalmate la maionese su ogni disco di panettone, adagiatevi sopra il pescespada tagliato a fette sottilissime, i pezzettini di ananas disposti a raggiera e poi mettete  un’altra disco di panettone e continuate a comporre  finchè non li avrete finiti. Abbiate l’accortezza di non tagliarli troppi sottili altrimenti il panettone si inclina di lato. Una volta finito, disponete l’uva o le altre guarnizioni intorno e scegliete qualcuno bravo bravo per affettare il vostro capolavoro  🙂

Advertisements

Autore: una cuoca pericolosa

Ma se dico tutto in questa sintesi, il mio blog che lo leggete a fare?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...