una cuoca pericolosa

Cibo e idee per tempi da lupi (e non solo)

L’Agriosteria della bontá

LE BUONE SCOPERTE vanno condivise. Specie se si tratta di ristoranti visivamente e gustativamente molto carini e a prezzi tutto sommato abbordabili. L’ultimo in ordine di tempo che ho “trovato” è davvero particolare, perché è stato costruito nello stesso spazio che accoglie il frantoio dell’Ota, la struttura creata dagli Olivicoltori Toscani Associati (via Empolese 20/a- Cerbaia Scandicci- Firenze) e da questo prende il nome: L’Agriosteria del Frantoio. Il locale è piccolo e raccolto, quasi intimo, con un arredamento essenziale ma accattivante e grandi foto in bianco e nero alle pareti a raccontare la storia dell’olio evo toscano e la laboriosità instancabile che lo produce da secoli.
Il menù, comunque, è la parte più interessante. Si cucinano solo prodotti di stagione e solo toscani di alta qualità. Fanno l’hamburger, per esempio, però di Chianina vera e certificata e preparano anche la frittata con le erbe da mettere dentro i panini (da portare a casa o consumare sul posto) usando le erbe coltivate nel grande orto di proprietà, a duecento metri dal ristorante. Vegani e vegetariani sono i benvenuti, nel senso che anche per i loro palati ci sono tante proposte. Io ho mangiato uno sformato di carciofi che poteva vincere un premio e una trippa su fondo di carote che mi ha stupito per la bontà. La vera nota indimenticabile sono stati i biscotti vegani, che il cuoco stesso, portandoli in tavola, ha descritto come “i più tristi e i più buoni”. L’aspetto, in effetti, non era rifinito e accattivante come quello della pasticceria tradizionale e tanto meno del petit fours, il sapore, però, aveva qualcosa di magico. Mentre li mangiavo, mi sono sentita come il critico gastronomico del film Ratotouille quando assaggia il piatto che il topo ha preparato apposta per lui (la ratatouille, appunto): catapultata in un’altra dimensione. Sarà perché a me i dolci in genere non piacciono molto e trovare un biscotto che mi faccia provare sensazioni di gusto importanti è un fatto davvero insolito.
Comunque, L’Agriosteria del Frantoio è aperta tutti i giorni a pranzo e a cena, però cosa fa durante i festivi non me lo ricordo, quindi eccovi anche il numero: 055.769538
Come è messa nel reparto cantina? Ma se vi ho detto che si consumano solo prodotti toscani di qualità! Provate a immaginare. Io ho assaggiato uno spumante della Fattoria Montellori che mi ha riconciliato col mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...