una cuoca pericolosa

Cibo e idee per tempi da lupi (e non solo)

Mangia, leggi, dormi

QUESTA NUOVA pagina è dedicata ai ristoranti dove ho mangiato una volta, due volte, tante volte. Insomma, quelli che per la loro qualità o fantasia o servizio caloroso più che impeccabile, mi sento di consigliare. Mi resta difficile condividere le esperienze spiacevoli, ma se mi capiterà di mangiare in un posto orribile, spenderò tre parole anche per evitarvi di ripetere la mia negativa esperienza.

Quando si è lontani da casa si finisce spesso a cercare un posto dove dormire, quindi segnalerò anche le sistemazioni – hotel, alberghi, B&B, case e ostelli – dove ho trovato gli stessi valori positivi dei ristoranti.

Libri e affini sono una benedizione sempre, quando parlano di cibo, vino, ricette lo sono un po’ di più.

Questa pagina non è e non vuole essere una guida turistica, ma solo un momento diverso di condivisione sempre all’insegna della mia blog filosofia: quando il lupo è alla porta, è il momento di trattarsi  bene.

Il primo suggerimento riguarda la mia città preferita, Firenze, che è anche quella dove sono nata, ed é un suggerimento per chi vuole viverla qualche giorno con pienezza, senza fretta, magari assaporandola come si farebbe con un vino  da centellinare, che é cosí profumato,  intenso e ricco da volerlo assaporare fino in fondo, prendendosi il tempo che serve e anche quello che non c’é ma ci vuole per bere un secondo bicchiere.

Il Michelangelo é un piccolo appartamento nel cuore di Firenze dove vivere una vacanza che sa di buono e di bello,  proprio come un piatto cucinato con passione.

Tutte le indicazioni le trovate al link qui sotto:

http://www.homeaway.co.uk/p1010313

ALCUNI GIORNI FA sono dovuta andare  in Versilia (purtroppo non per il Carnevale) e l’unica cosa piacevole di una giornata altrimenti da dimenticare è stato il pranzo in un simpatico ristorante dove ho gustato una frittura mista di cui da tempo sentivo la mancanza. Sarà perché pioveva con tutta la grondante e grigia tristezza delle piogge invernali, sarà perché avere il mare a un chilometro e non potersi avvicinare ti fa venire voglia di estate e spiagge infinite, ma quando nel menù ho visto “fritto misto” non ho avuto esitazione. E la frittura che mi hanno servito a Il Cascinale a Montignoso (www.osteriailcascinale.it) mi ha regalato quello spicchio di sole di cui avevo voglia. Asciutta, saporita, profumatissima, con tante verdurine croccanti a fare da contorno a totani, polipetti e gamberi. Una gioia. Il Cascinale propone menù a prezzo fisso (15 euro a pranzo) e alla carta dove figurano anche i tortelli di carne e patate oppure insalatone per chi segue regimi alimentari più leggeri. Tutti i piatti, però, sono concepiti con garbo e attenzione, resi più preziosi da piccole, sfiziose accortezze. Non so dire molto della cantina, perché dovendo guidare subito dopo il pranzo, la carta dei vini non ho nemmeno voluto guardarla 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...