una cuoca pericolosa

Cibo e idee per tempi da lupi (e non solo)


2 commenti

Tisana di fiori e frutti ovvero “Tango y Pasion”

5CDDD10B-68EA-4B8F-A7CA-3871420F9380

QUELLO che mi dispiace veramente è non riuscire a farvi sentire il profumo delicato e persistente di questa tisana di fiori e frutti che ho appena preparato. Un inno al gusto e, volendo, anche al conforto alimentare, visto che ha il potere non indifferente di addolcire la giornata senza mettere in campo un solo grammo di zucchero 🙂 E regalando anche una specie di mini-dessert finale: i pezzetti di ananas e mela, oltre alle bacche di goji e alle erbe che fanno parte della miscela, sono buonissimi se gustati tiepidi una volta bevuta la tisana. Ci sono anche i boccioli di rosa e le foglie di menta, ma su quelle, di solito, passo.

Il nome scelto già da solo varrebbe un assaggio : “Tango y Pasion”.

La cosa che in fondo mi entusiasma davvero, però, non è la bontà alimentare di questa miscela selezionata con cura e indiscutibile capacità – chi volesse maggiori informazioni può trovarle sul sito dell’azienda che la produce, Meridiani – ma il fatto che dopo averla usata per preparare un’infusione delicatamente irresistibile, la miscela diventa un meraviglioso pot-pourri per ambiente. Almeno io la ri-uso così, lasciandola asciugare su un piattino da caffè in modo che liberi tutto il suo aroma fresco di menta e profumato di rosa.

Un vero toccasana per un naso affaticato dall’umanità o dallo smog.

O da tutti e due.


Lascia un commento

Cucina thai per un’amica lontana

LA MIA AMICA NIKKI è una forza della natura. E’ nata in Thailandia, ha vissuto negli Stati Uniti e poi si è trasferita in Norvegia. Nikki è forte e gentile, spiritosa e profonda, una di quelle rare creature che incontri magari una volta per caso e non dimentichi più. Un po’ come la cucina del suo Paese d’origine. Capace di regalare emozioni gustative destinate a rimanere nella memoria a vita, seppure assaporate sporadicamente.  Il mio primo assaggio di cucina thai fatta in casa (leggi : fatta da me) è stato per Natale. Periodo insolito per le improvvisazioni o le avventure in altre tradizioni gastronomiche, ma perfetto per il mio spirito da esploratrice. Le verdure che ho preparato questa volta in onore di Nikki (l’ho sentita di recente e magari per questo mi è venuta voglia di sapori che in qualche modo me la ricordano) sono di mia scelta, l’originale prevede qualcosa di simile alle melanzane che proprio non sopporto, ma credo vadano bene un po’ tutte quelle abbastanza consistenti da reggere una cottura media per tempo e intenistà.

4D20E7C9-0B3A-419E-8C12-273F735BFA52

INGREDIENTI

250 grammi di fagiolini

250 grammi di funghi Champignon

80 grammi di tofu biologico

150 grammi di carne di manzo

50 grammi di green curry paste

240 ml di latte di cocco

240 ml di acqua calda

LA RICETTA originale prevede più manzo (250 grammi) e niente tofu, ma a me la variante piace perché il tofu prende una consistenza e un sapore molto gradevoli con questo tipo di cottura e quindi l’ho modificata. In una padella dal fondo spesso e piuttosto capiente versate il green curry paste e il latte di cocco e portate a ebollizione. Aggiungete i fagiolini (io ho usato una busta di quelli bio congelati) e i funghi affettati. Riportate a ebollizione quindi mettete nella padella anche  il manzo tagliato a pezzettini, il tofu ridotto a tocchetti e l’acqua calda e portate a cottura. Il manzo e il tofu devono essere morbidi. Servite tiepido con abbondante riso Thai bianco.