una cuoca pericolosa

Cibo e idee per tempi da lupi (e non solo)


2 commenti

Salsa di funghi con maionese e curry

QUESTA salsa fredda è una scoperta della mia mamma, che mi ricorda le feste in casa con amici e parenti perchè lei la usava per fare i crostini o in genere insieme agli antipasti. Ovviamente la mamma non ci metteva il curry, non era una cuoca molto avventurosa, ma ho inserito questa variante perchè dá un tocco di esotico che aumenta, senza stravolgerle, la sapiditá e la consistenza di un gusto già piuttosto ricco. Gli champignon sono funghi dal sapore innocuo, ma in questa combinazione sono come un piccolo aereo da turismo che prende il volo e ti porta in alto esattamente come farebbe un Jumbo da 300 posti.
Questa salsa di funghi va bene con i crostini tostati e imburrati, con un’insalata ricca, con carni bollite e pure col pesce azzurro cotto al vapore. Insieme all’aragosta o all’astice dá il meglio di sè. La mia piccolina ha trovato la ciotola con la salsa incustodita e l’ha mangiata a cucchiaiate 🙂

image

 

INGREDIENTI

250 grammi di champignon
1 uovo fresco
1 limone
30 grammi di burro
1 cucchiaio di curry dolce
Olio e sale q.b.

PREPARATE una maionese piuttosto soda usando l’ uovo, il succo del limone e l’olio e mettetela in frigo. Pulite accuratamente i funghi, staccate le cappelle e tagliatele a fettine magari usando la mandolina cosí da averle molto sottili, quindi mettetele in una zuppiera capiente e mescolatele con il burro. Quando avrete amalgamato il tutto, prendete la maionese, aggiungete il curry e incorporatela ai funghi un po’ alla volta mescolando con cura. Aggiustate, se del caso, con ancora un po’ di curry e una spruzzata di limone. La salsa è pronta.


3 commenti

Polenta gialla con taleggio e pere caramellate

DEVE essere il freddo, l’umido perfido di queste settimane che mi fa venire voglia di caminetti col fuoco che crepita e paioli fumanti di polenta. Il caminetto, purtroppo, non ce l’ho, ma la polenta…
Rischio di ripetermi, visto che anche l’ultimo post parlava di polenta, peró questa volta ho usato quella gialla, anche perché il suo sapore generoso si addice meglio all’abbinamento col taleggio e le pere.

INGREDIENTI

2 pere Williams mature ma sode
200 grammi di farina di granturco da polenta
50 grammi di burro
200 grammi di taleggio
Olio evo q.b.
Sale e pepe q.b.
Zucchero per caramellare le pere q.b.

PREPARATE la polenta nella maniera tradizionale e a fine cottura aggiungete un pezzetto di burro, piú o meno 30 grammi. La consistenza deve essere abbastanza morbida e il piú possibile liscia. Prendete il taleggio, pulitelo della buccia esterna e tagliatelo a fettine che riporrete da una parte pronte per guarnire. Mentre la polenta cuoce, pulite le pere, tagliate anche queste a spicchi di circa mezzo centimetro di spessore e mettetele in una padella dove avrete sciolto il resto del burro, fate cuocere per un paio di minuti e infine aggiungete due cucchiai rasi di zucchero e fate caramellare per un altro paio di minuti. A questo punto impiattate la polenta e disponete sopra i pezzettini di taleggio a raggiera e le pere caramellate di fianco, come se fossero un contorno. Se la polenta risultasse troppo asciutta, condite con un filo d’olio, ma proprio un filo, e poi guarnite col taleggio. L’importante è che la polenta sia molto calda cosí da sciogliere il taleggio .
Accompagnate con un bicchiere di vino rosso strutturato.